Un hombre se propone la tarea de dibujar el mundo. A lo largo de los años puebla un espacio con imágenes de provincias, de reinos, de montañas, de bahías, de naves, de islas, de peces, de habitaciones, de instrumentos, de astros, de caballos y de personas. Poco antes de morir, descubre que ese paciente laberinto de líneas traza la imágen de su cara.

Un uomo si propone il compito di disegnare il mondo. Trascorrendo gli anni, popola uno spazio con immagini di province, di regni, di montagne, di baie, di navi, d’isole, di pesci, di dimore, di strumenti, di astri, di cavalli e di persone. Poco prima di morire, scopre che quel paziente labirinto di linee traccia l’immagine del suo volto.

Jorge Luis Borges, ‘El hacedor’, ‘L’artefice’.

Questo era Borges (intorno al ’60). Il mio contributo per rendere migliore questo pianeta, invece, è indissolubilmente legato, per ora, ad un lavoro in banca. "Non eri Einstein, non eri niente" (Chinaski77).

Qualche giorno fa stavo contemplando nella rete il messaggio col quale un amico rispondeva ai miei deliri esistenziali. Sta all’altro capo del mondo ed è felice come un bimbo: si fa quotidianamente viziare da un numero imprecisato di belle ragazze, dal rumore dell’oceano e da cibi non cellophanati. Come dicevo poc’anzi, lo stavo aggiornando sulla mia scarsissima attitudine a vivere in maniera piena ed appagante questa grandiosa farsa esistenziale. Il testo del messaggio è questo:

ciao.
Spero non ti sia ancora suicidato. C’è tempo, è forse l’unico treno della
vita che continua a passare.

Cura ut vale, grandissimo D.!

 

Felicissima sera

 

merola

Felicissima sera,
a tutte sti signure ‘ncruvattate
e a chesta cummitiva accussí allèra,
d’uommene scicche e femmene pittate!

Chesta è na festa ‘e ballo…
Tutte cu ‘e fracchesciasse sti signure…
E i’, ca só’ sciso ‘a copp”o sciaraballo,
senza cercá ‘o permesso, abballo i’ pure!

Chi só’?…
Che ve ne ‘mporta!
Aggio araputa ‘a porta
e só’ trasuto ccá…

Musica, musicante!
Fatevi mórdo onore…
Stasera, ‘mmiez’a st’uommene aligante,
abballa un contadino zappatore!

No, signore avvocato…
sentite a me, nun ve mettite scuorno…
Io, pe’ ve fá signore, aggio zappato
e stó’ zappanno ancora, notte e ghiuorno!

E só’ duje anne, duje,
ca nun scrive nu rigo â casa mia…
Si ‘ossignuría se mette scuorno ‘e nuje…
Pur’i’ mme metto scuorno ‘e …’ossignuría"

Chi só’?!
Dillo a ‘sta gente
ca i’ songo nu parente
ca nun ‘o può cacciá…

Musica, musicante!
ca è bella l’allería…
I’ mo ve cerco scusa a tuttuquante
si abballo e chiagno dint’a casa mia!

Mamma toja se ne more…
‘O ssaje ca mamma toja more e te chiamma?
Meglio si te ‘mparave zappatore,
ca ‘o zappatore, nun s’a scorda ‘a mamma!

Te chiamma ancora: "Gioja"…
e, arravugliata dint”o scialle niro
dice: "Mo torna, core ‘e mamma soja,
se vene a pigliá ll’ùrdemo suspiro…"

Chi só’?
Vuje mme guardate?
Só’ ‘o pate...i’ sóngo ‘o pate…
e nun mme pò cacciá!…

Só’ nu fatecatóre
e magno pane e pane…
Si zappo ‘a terra, chesto te fa onore…

Addenócchiate…e vásame sti mmane!

Oggi è venerdì. E’ un giorno diverso da ieri. Ieri avevo voglia di cazzeggiare e di ricordare. Oggi no: oggi, se solo incontrassi di nuovo il mio amore, lo ammazzerei, come dice lo scrittore. Meglio un amore morto di uno non corrisposto. Un amore non corrisposto è come un killer, anzi Il Killer (quello di Collateral, naturalmente): tagliente, efficace, cinico, letale. Mi piace girovagare a piedi nel buio, lasciare che l’aria fredda decongestioni l’incazzatura atomica che sale dai piedi e sperare che ci sia un Fradicio a farmi compagnia con un bicchiere di quello buono.

Festa mesta con morale a sorpresa

Beh da lì l’apoteosi del trash trentino più becero: DJ merda o se volete DJ paraculo.

Non si può descrivere quella specie di sub-umano alla consolle, dovete per forza andarci al Gasoline il giovedì sera che c’è lui a ballarvi una bella lambada, seguita da decine e decine di ballate spagnoleggianti del periodo anni ’90 e poi da una caterva di canzoncine italiane anni ’70, ’80 e perchè no (vista la giovine età degli avventori) ’90, il tutto ovviamente bagnato da ottima birra annaquata.

Quello che più mi irritava di DJ merda era che continuava ad interrompere la musica con imbarazzanti urla e incitamenti per i quattro clienti di quello stanco bar.

Vabbè la serata andava così ed io ero ormai rassegnato fino a che il vecchio Fradicio non ci ha raggiunti completamente ubriaco e qui si è svolta una discussione che ha letteralmente aperto una finestra sull’ inconsapevolezza dell’esistenza:

Fradicio: "Sciao amisci, quescta sera ho conosciuto una figa pazzesca"

Eurocobra e Buldra: "ah ma dai fico e come si chiama?"

F.: "Sci chiama Susanna"

Bla bla bla vari sulla figa pazzesca… ma poi…

B.: "E le tette… come le ha le tette? Grosse?"

F.: "No ha le tette piccole"

B.: "Ah no! non va bene…. quelle con le tette piccole ce l’hanno frastagliata…"

F. e E.: "…"

F., B. e E.: "ah ah ah ah ah ah…"

Ecco.

jonathan%20weiner

Festa Mesta – I° parte

Questo post nasce in perfetta corrispondenza con un post scritto dal mio grande amico Buldra (vai Buldra, ti copio anche le idee).

Ed in effetti il 31 ottobre il Vostro Eurocobra era in compagnia del vecchio Buldra e dello stravecchio Fradicio (oltre ad un numero imprecisato di bambine vestite da streghe) per la festa di Halloween. Io quella sera ero felice per svariati motivi:

1) il giorno dopo era festa;

2) il giorno dopo dopo ero in ferie, così come quello successivo;

3) le mie amiche si stavano truccando da streghe mentre io rimanevo in abiti da lavoro;

4) sabato partivo per un w.e. fuori porta all’insegna di castagne, vino, canederli, mosto, succo di mele, amicizia, risate, gioia aieha;

E’ chiaro che se uno pensa a queste cose tutte in fila non può che essere felice. Però poi esce a Trento e già un certo freddino pungente gli penetra nelle ossa e già un certo torpore lo assale quando comincia la danza della scelta del locale. Alla fine dici: "caribe si cazzo figata!!!";

Pensi che un locale fondato dal vecchio Gianni e gestito da dei giovani rivoluzionari che ti fanno pagare una tessera per entrare non possa deluderti… ma poi entri ed improvvisamente ti sembra di essere a Ronzo Chienis (e chi conosce Ronzo Chienis sa di cosa parlo); la musica regge merda cover è a palla in tutto il locale a volume fortissimo (TA TA TA TA… TATA TA TATA).

E cominciamo a sbadigliare. Alla terza birra comincia a suonare il solito gruppo regge di Trento che da 40 anni fa regge a Trento e la gente con cappelli e capelli buffi comincia a ballare. Per noi è l’ora di andare.