L’arte della vita

Ieri ho fatto un anno di matrimonio. No dico un anno di matrimonio… e come si dice in questi casi "ah l’è arrivà el fred e non se ne pol za pu della nev!" ah no questo non c’entra con il matrimonio. Dicevo che in questi casi si dice: "sembra che siamo sposati da un giorno". Un gran cazzo! A me sembrano passati 200 anni.

No dai scherzo l’anno passato è stato duro ma felice. Il piccolo mostro cresce in fretta, fa più progressi lei che tutto il resto della famiglia, parla, mangia, quasi cammina, non dorme la notte… ecco io queste parole le ho tattuate sulle pareti di casa con il sangue che ogni tanto mi esce dalle orecchie cosicchè quando eurocobrina sarà grande possa ricordarsi di questo. Per ringraziarmi a dovere ho già stampato dei cartelloni con la mia faccia che lei adolescente attaccherà sulle pareti della sua stanzetta al posto dei poster dei vari Dan harrow, madonna, ramazzotti, simon lebon, ecc.

Ho aperto facebook. Perchè? Perchè sono un giovane ex trentenne oramai incapace di avere rapporti personali reali con le persone che appena ti vedono ti giudicano e prontamente ti pugnalano alle spalle. Pertanto ho messo una bella foto (non mia ma di simon lebon che tanto nessuno si ricorda di come era da giovane) ho vagheggiato di interessi non miei, mi sono fatto amici che non conosco e con cui non ho nessuna intenzione di interfacciarmi e giro alla ricerca di nuovi stimoli per la mia mente.

Sono diventato un fan di persone davvero fighe. Ho scoperto grazie al librofacciale l’opera di Herman Nitsch pittore, scrittore, rivoluzionario viennese arrestato negli anni 70 perchè metteva persone nude crocifisse dentro mucche squartate grondanti sangue. Ecco la prospettiva delle cose cambia quando vedi certe cose. Tipo che se vedi la mostra di Manet a Treviso ti metti a ridere.

Oppure lo sapete che Jakson Pollock completamente ubriaco metteva a terra le tele e poi con gesti furiosi spruzzava quintalate di colore creando veri capolavori?

O anche lo sapete che fece Emilio Vedova quando la guardia di finanza si presentò in borghese a casa sua per la seconda volta dopo che la prima volta gli avevano comminato una multa da 1 miliardo di lire? Gli si parò davanti completamente nudo e gli disse che così l’avevano ridotto la prima volta.

Questa è l’arte. E quelli che mi dicono: “è ma l’arte contemporanea… non si capisce un cazzo… anche mio nipote di tre anni sarebbe capace di farlo… io dico: no amico tuo nipote non è Alberto Burri” Ovviamente il tipo se ne va e  mi toglie giustamente il saluto.

E’ un periodo di incredibile curiosità questo. Mi sto interessando di tutto ciò che minimamente possa ricordare alla mia testa che lì il diritto amministrativo non avrà mai accesso. L’arte è potente; molto di più del diritto amministrativo.

n1324509228_159549_1947Hermann Nitsch "Acktionen"

NYSE

Riprendo i contatti con i fedeli lettori di E. (e cioe’ E1 et E3) dalla grande mela. A dire il vero, commentando lo stato dei luoghi, non esiste una grandissima differenza fra questa citta’ e le valli trentine: relativamente alle dimensioni ed alla cubatura i palazzi quivi presenti assomigliano in toto alle torri dolomitiche. Ho potuto apprezzare, altresi’, un altro elemento interessante: la gente mi pare molto piu’ rilassata, tranquilla e socievole che dalle nostre parti; e’ un fatto intorno al quale mi sto arrovellando da qualche giorno.

La bonta’ della cibaria e’ direttamente proporzionale a quanto si spende.

La birra fa schifo.

Central park e’ una meraviglia: il Dakota Building esiste ma non e’ visitabile (nemmeno spacciandosi per Roman Polanski…);

P.S.

Yoko Ono abita ancora la’

See you later

E2

 

Il pomodoro e il rapanello, ovvero la mia prima volta…

rafaniello

Sbagliato, in questo post non parlo di sesso.

Infatti si narra ci sia sempre una prima volta per tutto e non solo per il sesso…

Beh, in questi giorni sto assaporando la mia prima volta in cui una persona che ho votato è stata eletta.
Anzi, non una, ma ben due persone a cui ho dato la preferenza siederanno in Consiglio Provinciale.

Contento? MOOOOLTO, soprattutto perchè abbiamo fermato odio e intolleranza, ma a dire il vero da quando ho realizzato sta cosa mi sento strano, ho dentro di me come un "ovo sodo" che non va ne su ne giù…

Insomma, io vengo da un mondo felice di essere minoranza delle minoranze. Contento quando va male, allegro quando riceve botte sulle gengive e quindi è difficile per me vedermi vincitore, anzi è proprio strambo.

Io vincitore? io maggioranza? ma poi come farò a lamentarmi di chi governa se li ho votati?? mmmh…

vabbuò, sono felice, sono felicissimo, ma suona proprio strana sta cosa.

Avete presente un vecchio pezzo dei 99 posse? Mi sento un pochino un Rafaniello

Proprio così, non più pummarola (rossa dentro e rossa fuori) ma rafaniello, (rosso fuori e bianco dentro).

Rafaniello insomma, ma sto abituandomi a questa condizione e al fatto che tutto sommato forse (non ne sono ancora sicuro) ma sia meglio essere un RAFANIELLO FELICE CHE UN POMODORO TRISTE.

Con affetto e speranza.

Eurocobra 3

Gasparri riformerà l’università…

RHO-PERO, Milano (Reuters) – Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha detto oggi che il governo intende diminuire privilegi e spese inutili nelle università, ridurre il numero dei corsi e premiare le università che gestiscono in modo intelligente le risorse.

"Sull’università vogliamo diminuire privilegi e spese inutili e ridurre il numero dei corsi", ha detto Berlusconi oggi nel discorso pronunciato all’inaugurazione della Fiera del ciclo e del motociclo a Rho-Pero.

Il premier ha anche garantito che per gli atenei "non ci sono tagli eccessivi".

"Si tratta di spendere i soldi meglio (…). Vogliamo premiare le università che gestiscono in modo intelligente le risorse", ha aggiunto Berlusconi.

Il premier ha anche detto di voler dare agli studenti la possibilità di "studiare cose utili".

Ieri il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri, al termine di un incontro con Berlusconi e il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, ha detto che la riforma dell’università non sarà una misura unica ma sarà composta da diversi provvedimenti tra cui disegni di legge e qualche decreto.

Fortuna che mi sono laureato qualche anno fa. A mia figlia la mando a lavorare che non voglio che impari cose utili.