papa mama pappa

Una delle cose che mi mette più terrore al mondo e mi getta in uno stato di profonda agitazione ansiosa è la "segretaria che ringrazia sempre" che riporta conversazioni della sua figlioletta di tre anni.

Per procedere ad un’imitazione perfetta la stronza altera la sua voce con urletti striduli ed omette volontariamente vocali e consonanti nelle parole e va avanti così per svariati minuti, mentre le persone con un sorriso beota sulla faccia pregano cristo e tutti i santi che un mattone cada sulla testa di questa matta. 

Alla fine che fa? o ride di gusto pensando che i pensieri di una bambina di tre anni possano  veramente divertire qualcun’altro che non sia lei o il marito o si mette a piangere emozionata per i progressi della bambina….

Ecco ora capite dove mi hanno costretto a stare? no dico avete capito? cazzo.

 

6 Risposte a “papa mama pappa”

  1. Dai stai buono! 🙂 Quando avrai un bambino ti ricorderai di lei sotto altri punti di vista magari….

  2. da bipadre devo ammettere che a volte si eccede nei racconti sui figli con gli altri… ma generamente dopo il terzo “ah, ma di, interessante” te ne rendi conto e cambi discorso…

    e cmq, pensa ai racconti di quando sua figlia aveva pochi mesi… ad esempio vediti davanti ad un bel caffè e magari un cornetto e lei che ti racconta che da quando mangia anche le pappe il colore della cacca non è più di quel marrone scuro ma tende al chiaro…

    insomma, può sempre andare peggio.

    papà aloha.

  3. Elisola: Quali? Io ricorderò invece sempre quella voce da Norman in Psycho quando fa la madre morta…

    papa Aloha: i racconti dei bambini in genere mi piacciono, è invece l’imitazione degli stessi che mi crea scompensi psichici… e pi la cacchina dei bambini è santa si sa.

  4. quando avrò un figlia o un figlio ( se dio vuole semmai un giorno ) io sarò molto , molto peggio.

    Buldra.

  5. Buldra! in verità in verità ti dico che tu hai già inseminato la vita. Tra nove lune un maschietto nascerà e lo chiameranno Gesù.

    M. infatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *